Frida Kahlo a Roma: in mostra fino al 29 marzo un’artista iconica

Avere la possibilità di vedere questa mostra, che durerà a Roma sino al 29 marzo, è un evento più unico che raro perché i dipinti, le lettere più segrete dell’artista, non sono mai state mostrate diffusamente essendo parte di una collezione privata. 

Ultimamente, invece, con queste mostre itineranti si è voluto presentare questa incredibile artista rivoluzionaria al mondo. Ovunque, Frida Kahlo ha sempre destato stupore e meraviglia sia per le sue opere che per la sua personalità. 

Per comprendere ciò che vedrete in questa mostra, è d’obbligo conoscere meglio la vita di questa donna.

La vita dell’artista Frida Kahlo

Nata in Messico nel 1907, affermava invece di essere nata nel 1910, non per sembrare più giovane, ma perché diceva di essere figlia della rivoluzione scoppiata, appunto, in Messico nel 1910. Sin dall’infanzia mostrò un temperamento determinato, uno spirito indipendente e un indubbio talento artistico. Le convenzioni sociali non facevano parte del suo mondo.

Di sé stessa disse:

“Sono nata con una rivoluzione. Diciamolo. È in quel fuoco che sono nata, pronta all’impeto della rivolta fino al momento di vedere il giorno. Il giorno era cocente. Mi ha infiammato per il resto della mia vita.

Da bambina, crepitavo. Da adulta, ero una fiamma.”

Per questa sua forte personalità e per la genialità del suo lavoro, Frida Kahlo è considerata una delle più importanti precorritrice del movimento femminista.

A lei si sono ispirate varie sceneggiature di film Hollywoodiani, a lei hanno dedicato il primo francobollo statunitense raffigurante una donna ispanica.

L’ispirazione di Frida Kahlo

Come tutti gli artisti, anche Frida prese spunto, per la sua arte pittorea, dalla sua vita. Una vita difficile, travagliata e dolorosa.

La prima grande tragedia della sua vita avvenne quando lei aveva appena 18 anni. L’autobus che la stava portando all’università, si scontrò con un tram. Riportò fratture su tutto il corpo, dovette sottoporsi a molteplici interventi e rimase per lungo tempo immobilizzata.

Fu in quella situazione difficile che iniziò a dipingere. Come disse lei stessa in uno dei suoi diari:

“Dipingo me stessa perché passo molto tempo da sola e sono il soggetto che conosco meglio”

I suoi dipinti, comunque, nel tempo furono arricchiti dalla sua personale reinterpretazione della cultura popolare messicana unita al passato indigeno del suo paese. Meraviglioso l’uso dei colori nelle sue opere.

Anche le sue ideologie politiche sono presenti nei suoi quadri e nei suoi scritti; divenne infatti un’attivista del Partito Comunista Messicano.

L’altro grande evento nella vita di Frida fu l’incontro con il suo terzo marito, Diego Rivera. Un amore passionale e sofferto a causa dei tradimenti del coniuge. Un amore che seppe ispirare molti dei suoi quadri e tante poesie. Le più belle sono dedicate a lui.

“Tienimi dentro di te, ti imploro.
Voglio essere la tua casa, tua madre, la tua amante e il tuo figlio…
Ti amerò dal panorama che vedi, dalle montagne, dagli oceani e dalle nuvole, dal più sottile dei sorrisi e a volte dalla più profonda disperazione, dal tuo sonno creativo, dal tuo piacere profondo o passeggero, dalla tua stessa ombra o dal tuo stesso sangue.
Guarderò attraverso la finestra dei tuoi occhi per vedere te.”

Le opere di Frida Kahlo

Le opere di questa incredibile artista, pensando soprattutto che disegnare le veniva naturale come parlare, raffigurano soprattuto il suo stato interiore, la sua fragilità, il suo modo personalissimo di percepire il mondo. Parlano della sua sofferenza fisica ed emotiva, ma anche della sua grande forza interiore. Il sapere guardare al cielo quando sulla terra si vive l’inferno. Emblematica è la frase che Frida stessa disse:

Piedi, perché li voglio se ho ali per volare?

La mostra di Frida Kahlo

Titolo della mostra è Il caos dentro. Si è dato questo nome perché anche da una situazione di caos, come quella esistente prima che iniziasse la creazione, si può arrivare alla bellezza. Anche da una situazione sofferta si può giungere alla luce, creando armonia e pace.

Trattasi di una esperienza multimediale dove opere originarie, alcune delle quali mai esposte prima in Italia, unite alla realizzazione degli ambienti dove l’artista ha vissuto gran parte della sua vita, come la Casa Azul, si affiancano a fotografie, abiti e gioielli, lettere e pagine di diario.

Questa mostra vi porterà nel mondo di questa grande artista che, con tutte le sue contraddizioni, continua ad ispirare e a meravigliare.

Dove potrete ammirare questa mostra?

Si tiene presso il SET Spazio Eventi Tirso, via Tirso 16.

La mostra è aperta tutti i giorni, anche nei festivi, e rispetta i seguenti orari:

  • dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 20.00
  • sabato e domenica dalle 9.30 alle 21.00 
    L’ultimo ingresso è 30 minuti prima dell’orario di chiusura.

Il prezzo del biglietto intero è di € 12 mentre quello ridotto per universitari, ragazzi fini a 14 anni e gruppi oltre i 15 partecipanti, è di € 8. Gratuito per i bambini fino si 5 anni. Per gli over 65 anni € 10.

Comprandolo on-line, tramite il sito Ticketone.it, avrete una maggiorazione del prezzo di € 1,50 per la prevendita. Per maggiori informazioni potete consultare direttamente il sito ticketone.it

Buona Mostra!

  • 24 Gennaio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *