Museo capitolini gratis nel 2020: tutte le informazioni

Avreste sempre voluto visitarli ma avete rimandato per via del costo. C’era sempre altro che aveva la precedenza. Ma dal 2020 non sarà più così. Ci sono tante novità che renderanno più fruibili uno dei luoghi più entusiasmanti per gli appassionati di arte: di seguito vi illustriamo tutte le istruzioni per visitare i Musei Capitolini gratis.

Storia dei Musei Capitolini

Facilmente intuibile dal nome, la sede di questi musei si trova nella Piazza del Campidoglio. Anche in questo caso avrete a disposizione la possibilità di visitare più musei al suo interno. È sicuramente la struttura comunale civica di Roma più rilevante con i suoi quasi 13.000 m2 di area espositiva. Per il fatto che questi musei furono aperti al pubblico già nel 1734, sono definiti il primo museo al mondo.

Il nucleo più antico del Museo, a tutt’oggi visitabile, sono alcune statue bronzee che Papa Sisto IV donò alla città di Roma. Da allora si sono aggiunti preziosi reperti archeologici e non solo, collegati direttamente alla città di Roma.

Come si è già detto, è impensabile riuscire a vedere tutto ciò che è racchiuso dentro a questi palazzi in una volta sola. Ultimamente si sono aggiunti alla sede centrale in Campidoglio anche le strutture della Centrale Montecatini, ex centrale elettrica di Roma. Qui troviamo alcuni capolavori dell’arte classica insieme a macchinari industriali ancora presenti nella Centrale.

Cosa vedere ai Musei Capitolini

L’ingresso dei Musei si trova presso il Palazzo dei Conservatori, progettato dal Michelangelo. Qui vi accolgono frammenti della colossale statua dell’Imperatore Costantino, seguiti al primo piano dagli affreschi più maestosi contenute nella Sala degli Orazi e Curiazi. Sempre nella sala si trova l’opera inestimabile quale La lupa Capitolina, simbolo di Roma. Non fermarsi a contemplarla sarebbe come andare ai Musei Vaticani e dimenticarsi di visitare la Cappella Sistina. Altra interessantissima opera è Lo spinario. Potrebbe sembrare di poco interesse questo ragazzo colto nell’intento di togliersi una spina, in realtà questa statua fu imitata moltissimo in molti dipinti del ‘400. Un esempio? La Madonna col Bambino del Signorelli. 

Proseguendo, altro capolavoro inestimabile è la statua di Marco Aurelio a cavallo, l’originale, fatta rientrare per sottrarla agli agenti atmosferici. Quindi quella ubicata in Piazza del Campidoglio non è altro che una copia.

Altra gemma preziosa è la Pinacoteca capitolina, una collezione che ospita capolavori del Caravaggio, del Tiziano, del Guercino e ancora altri.

Attraverso collegamenti riaperti tra Palazzo dei Conservatori e Palazzo Nuovo, si giunge nell’area espositiva di quest’ultimo. Alcuni capolavori che qui si trovano, sono: la Venere Capitolina, che da il nome anche alla sala che la custodisce; il Galata Morente, una delle più celebri statue del mondo antico; Marforio, l’ormone gigante che rappresenta, si suppone, un dio fluviale anche se sicuramente più noto come una delle 6 statue parlanti di Roma. La più celebre fra tutte è quella di Pasquino. Se volete saperne di più sul perché vengono chiamate in questo modo cliccate qui (link all’articolo su Pasquino).

Davvero tanto da vedere e sicuramente non abbiamo esaurito tutto ciò che c’è da dire su questi meravigliosi musei. Avere la possibilità di visitarli gratuitamente è quindi un regalo che il Comune di Roma ci offre che non si può rifiutare.

Come entrare gratis ai Museo Capitolini

Dal 2020 c’è questa assoluta novità: come già avviene per altri siti archeologici e musei, è stata estesa l’entrata gratuita tutte le prime domeniche del mese. Tutti i visitatori, sia residenti che non, potranno ogni prima domenica del mese andare alla scoperte dei tesori contenuti in questi musei. Non sono visitabili gratuitamente alcune mostre come, per esempio, quella del Canova, Eterna bellezza, nello spazio espositivo del Museo di Roma in Palazzo Braschi.

MIC card

Dal 2020 ancora un’altra novità: gli abitanti di Roma – residenti, domiciliati e studenti delle Università – potranno comprare questa card che, con solo una spesa di 5 €, darà diritto, per tutto l’anno, all’ingresso illimitato in tutti i siti del sistema Musei in Comune. Inoltre, i possessori della MIC avranno diritto alla riduzione per visitare le grandi mostre che si svolgeranno nel corso dell’anno nei vari musei che fanno parte del Sistema musei in Comune: Museo dell’Ara Pacis, il Museo di Roma Palazzo Braschi e nel nuovo spazio espositivo dei Musei Capitolini, Villa Caffarelli, di prossima apertura. Riduzioni anche per gli spettacoli chiamati “Circo Massimo Experience” e “Viaggi nell’Antica Roma” al Foro di Cesare e al Foro di Augusto.

Siamo certi che tutti quanti si delizieranno alla vista di questi capolavori e che Roma continuerà a richiamare da tutto il mondo visitatori perché l’arte deve essere fruibile da tutti.

  • 28 Gennaio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *