Weekend romantico a Roma: dove sta il mejo buco de Roma e perché è così famoso

State organizzando un weekend romantico a Roma e vi hanno suggerito di portare la vostra lei o il vostro lui in una delle meravigliose terrazze di Roma. Si sa, questa città, di sera, ha un fascino tutto suo e da sola è una cornice a una serata romantica. Tuttavia, vi hanno mai detto che Roma ha dei ‘buchi’ romantici? Starete pensando che un buco non è proprio sinonimo di romanticismo, ma vi assicuriamo che questi di Roma sono davvero singolari. Continuate a leggere e capirete perché. 

Il buco della serratura più famoso 

Vi avranno parlato del giardino degli Aranci sul monte Aventino ma, investigando su internet, forse avete appreso che la chiusura della terrazza è prevista per le 18. Che fare dunque? Non disperate: a pochi passi da questa terrazza esiste un panorama unico. Un panorama che è possibile ammirare da un buco della serratura. La porta in questione è quella del Priorato dei Cavalieri di Malta, ubicato nella omonima Piazza. Non è più un gran segreto perché ci sono sempre molte persone in fila e un chioschetto che cerca di fare affari affrancando la sete e la fame dei turisti che, a piedi, salgono sin lassù.

Ma se vi attarderete nell’orario forse potrete evitare questa folla di gente e godervi questo panorama singolare. Cosa vedrete? Il cupolone della Basilica di San Pietro incorniciata dagli alberi di arancio. Un quadro! Una meraviglia che in qualunque ora del giorno e della notte si trasforma e dona una pennellata di sé unica e splendida. Certo potrete godervi solo un panorama alla volta ma vi assicuriamo che ciò che vedrete vi sorprenderà e vi renderà più romantici. Questo posto è diventato così famoso perché se si arriva senza sapere ciò che si vedrà è impossibile non rimanerne stupefatti. Osservando l’espressione nel viso di chi lo ha appena visto sembra di leggere esclamazioni come ‘incredibile!’, ‘fantastico!’. Eh già… per il vostro week end romantico, questo buco è sicuramente ‘er mejo buco’ della città. 

La bocca della verità 

Trattasi di un altro buco, altrettanto famoso, ma che non è una serratura. È una gigantesca pietra rotonda in cui è raffigurato il volto maschile di una maschera con tanto di barba, dove sia gli occhi che la bocca sono semplici orifizi. Si trova poco più in là del Campidoglio, in una parete della Chiesa di Santa Maria in Cosmedin, dal 1963. Il nome con cui tutti noi la conosciamo oggi, invece, risale al 1485. La fama di questa raffigurazione rimonta alla Roma antica. In origine non era altro uno dei tanti tombini che raffiguravano divinità pluviali che ingerivano l’acqua piovana ma in epoche successive si trasformò in oracolo. Tuttavia, fu molto più avanti nel tempo, nel Medioevo, che una leggenda prese piede: si narra che il costruttore della ‘Bocca della verità’ avesse ideato questa pietra per fugare i dubbi di mariti e mogli sulla fedeltà dei loro coniugi.

Bocca della verità, il racconto

Si racconta che la bocca mordesse la mano a chi non diceva la verità. Un racconto parla dell’astuzia di una moglie che portata dinnanzi alla pietra dal marito furente per il suo presunto tradimento, finse di svenire e finì letteralmente tra le braccia del suo amante anche lui presente. La donna, con la mano ancora nella bocca della pietra, affermò che non era stata nelle braccia di nessun altro tranne che in quelle del marito e dell’uomo che l’aveva poc’anzi soccorsa. Piena di spirito questa arguta signora! Comunque sia desta sempre meraviglia questa scultura e allora perché non portarvi il vostro lui o la vostra lei e fare una prova del suo amore eterno? Oppure, come nella scena di Vacanze Romane, potreste sfidarvi a chi è più coraggioso cercando, come fece Gregory Peck con Audrey Hepburn, di creare un clima di paura così che lei possa buttarsi tra le vostre braccia per essere protetta. Con lui funzionò. Basterà andare di sera, raccontarle, come fossero veri, di inquietanti racconti di persone che veramente hanno sentito come se la mano le fosse trattenuta e poi chiederle di mettere la sua nella bocca della verità. Potrete misurare il vostro coraggio in questo modo. 

Conclusioni finali

Siamo certi che il vostro week end romantico non potrà che essere un vero successo se presterete attenzione a questi suggerimenti e fateci sapere quali di questi due ‘buchi’, entrambi molto famosi, vi sono piaciuti di più. 

  • 8 Maggio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *